Parliamo di... Frenulo linguale corto

frenulo linguale corto

Che cos'è il frenulo linguale?

Mettetevi allo specchio: a bocca ben aperta tirate su, più in alto che potete, la punta della lingua verso il palato: quel "filino" verticale che si trova sotto la lingua è il vostro frenulo linguale.

Normalmente, grazie proprio al frenulo linguale, dovreste riuscire a toccare comodamente a bocca aperta il palato dietro i denti incisivi superiori con la punta della lingua. E se questo non accade? Allora siamo in presenza di un frenulo linguale corto.

Perché il frenulo linguale è così importante?

Sembra impossibile, ma dalla giusta lunghezza ed elasticità di questo "filino" può dipendere l'intero sviluppo della muscolatura della bocca e delle arcate dentarie. Se il frenulo linguale è corto e, di conseguenza, blocca la lingua in una postura bassa, la deglutizione sarà forzatamente errata. Per deglutire correttamente, la punta della lingua deve spingere con forza contro la porzione di palato presente dietro ai denti incisivi superiori, altrimenti avremo una spinta inefficace dovuta a deglutizione atipica. Spesso chi ha una postura linguale bassa da frenulo linguale corto respira a bocca aperta, essendo così più soggetto a malattie da raffreddamento (tonsilliti, adenoiditi, otiti...). Inoltre, il corretto sviluppo del muscolo linguale, guida la formazione dell'intera bocca e dei denti: quindi il rischio è di avere arcate dentarie che non chiudono bene, denti storti e "sventagliati" in avanti, palato alto e stretto, viso lungo e inespressivo. Essendo poi i muscoli linguali collegati ad altri muscoli di tutto il corpo, possono esserci ripercussioni anche sulla postura generale del corpo: schiena curva, iperlordosi, ginocchia valghe, piedi piatti e così via. Da ricordare infine le difficoltà di pronuncia di tutti quei suoni che prevedono un corretto sviluppo del muscolo linguale. Ad esempio, se il frenulo linguale è corto o poco elasticizzato, sarà impossibile avere una bella R: in compenso il soggetto cercherà di produrre il suono facendo vibrare la parte posteriore della lingua, ottenendo così una R "alla francese".


In questi casi la cosa migliore da fare è effettuare una visita logopedica: sarà lo specialista a giudicare se il frenulo linguale è troppo corto oppure no. Alcune volte bastano pochi esercizi muscolari volti ad elasticizzare il frenulo cosicché la punta della lingua possa arrivare senza sforzo a toccare il palato. Altre volte il frenulo linguale può risultare troppo corto: in tal caso viene eseguito un piccolissimo intervento chirurgico dal dentista, detto "frenulectomia". È un intervento ambulatoriale molto semplice, in anestesia locale, che richiede pochi minuti e permette al paziente di poter parlare e mangiare tranquillamente già qualche ora dopo. A seguito dell'intervento, è fondamentale effettuare alcune sedute di logopedia per far sì che la cicatrizzazione sia completamente elastica ed evitare recidive del problema, impostando la corretta postura linguale e deglutizione.

© 2019 Logopedista Dott.ssa Maria Giovanna Roio | P.IVA 03186340364| cell. 340 9974500